Dimensione Sociale

Rapporti e tipo d’intervento con le famiglie degli utenti

FamigliaI rapporti con le famiglie da cui provengono gli utenti che frequentano la Casa Santa Rosa è uno dei punti qualificanti del nostro Centro: le famiglie sono coinvolte nella condivisione del progetto riabilitativo individualizzato e partecipano agli eventi comunitari significativi (feste, seminari di aggiornamento, incontri con esponenti della vita pubblica).
In alcune situazioni particolari, si dispongono interventi più specifici per sostenere i familiari nel loro difficile ruolo di genitori di un figlio disabile.

 

Il reinserimento socio-lavorativo

La pedagogia guanelliana è nata dai metodi d’intervento che don Guanella apprese dall’esperienza diretta, metodi che lo portarono, fin dal 1900, ad enunciare e sperimentare il valore educativo-riabilitativo del lavoro, adattato alle reali possibilità del singolo. Egli creava all’interno delle sue Case, laboratori di piccole arti e mestieri ed impiegava persone disabili nelle prime colonie agricole, con lo scopo di riabilitarle e farle sentire utili alla società e soddisfatte di loro stesse; esse infatti “con vivissima compiacenza amano mostrare agli altri che valgono qualche cosa e si guadagnano il loro pane.” (Beato Luigi Guanella)Business-Lavoro-Disabili

Alcune utenti che frequentano il nostro Centro, dopo aver compiuto il percorso riabilitativo previsto, iniziano esperienze nel mondo del lavoro come possibile compimento di una riabilitazione che porti la persona ad un effettivo reinserimento nel tessuto sociale in contesti di normalità. I tirocini e gli inserimenti lavorativi sono sostenuti e continuamente verificati dagli operatori della Struttura (assistente sociale, psicologo, altre figure professionali).

 

Il rapporto con il territorio e la partecipazione alla vita cittadina

La Casa Santa Rosa promuove tutte le opportunità d’integrazione sociale e di scambio con la realtà cittadina e territoriale che possano permettere alle utenti di vivere esperienze di socializzazione e di reinserimento nel tessuto sociale. In questo senso sono attualmente attivi progetti e collaborazioni con:

  • Municipio XI del comune di Roma a cui appartiene la Casa Santa Rosaraccolta-ulivo
  • V° Dipartimento del Comune di Roma
  • Provincia di Roma. Forum delle fattorie sociali
  • Special Olympics Italia, l’Associazione che promuove la pratica dello sport per le persone con disabilità intellettiva
  • Altri Centri di Riabilitazione
  • Integrazione nel quartiere di Quarto Miglio (Parrocchia, esercizi commerciali, ecc.)
  • Volontariato (Comunità di Sant’Egidio, AGESCI, UNITALSI)
  • Istituti scolastici della zona con i quali si sono attivate varie forme di collaborazione e d’integrazione.
  • Partecipazione dei laboratori riabilitativi a mostre artigianali, mercatini od iniziative di esposizione dei prodotti artigianali nella città di Roma
  • Presentazione in contesti esterni di attività riabilitative svolte nel Centro (Danza, Teatro)
  • Organizzazione di seminari e convegni su temi riguardanti la disabilità intellettiva.

 

Raccordi con altri Centri

Casa-Santa-Rosa-Raccordi-altri-centriSecondo le indicazioni delle linee del Documento Base per i progetti nel settore handicap, la Casa Santa Rosa intende promuovere e partecipare ad incontri con Strutture guanelliane ed altri Centri di Riabilitazione.
Tali occasioni offrono l’opportunità di un arricchimento spirituale e professionale di coloro che operano nella Casa e possono essere finalizzate alla qualificazione e al miglioramento delle risposte ai bisogni delle persone con disabilità.